Dona il tuo 5xmille alla Fondazione

DEVOLVERE il 5 PER MILLE è davvero semplice!
Al momento della consegna della dichiarazione dei redditi (730, CU e Modello Unico) basta apporre una firma nel riquadro dedicato (in alto a sinistra) al “Sostegno delle Organizzazioni non lucrative di utilità sociale” e indicare il nostro codice fiscale:

91010690120

LA MEMORIA HA BISOGNO DI RADICI

 di  Andreina Rodoni – servizio educativo

In questo mondo globalizzato, prendiamo in prestito dall’oriente la simbologia legata agli alberi: ogni volta che una persona lascia questa terra, viene piantato un albero, perché con le sue radici ben piantate nel terreno e le fronde protese verso il cielo rappresenta il legame indissolubile passato e futuro.
In questo anno di pandemia mille volte abbiamo sentito affermare che i nostri Anziani sono la nostra memoria, che perdere un Anziano è perdere una voce dal passato, una testimonianza autentica della nostra storia. Questo è quanto più vero per la nostra Residenza per Anziani. Le persone che ci hanno lasciato a causa del virus hanno lasciato un vuoto, ai loro cari, ma anche a noi, che oggi come un anno fa siamo diventati parte delle loro famiglie, facendo le veci di figli e nipoti in questi mesi di lontananza.

Da quest’anno ogni 18 marzo sarà giorno di memoria per le vittime del Covid 19: nella cerimonia che si è svolta ieri presso il giardino della Fondazione è stato piantato un albero di pesco nel nostro giardino. I pochi Ospiti che hanno potuto essere presenti lo hanno fatto a nome di tutti gli altri che ci hanno seguito via TV. La loro partecipazione si è fatta attiva nella preghiera, una per ciascun Nucleo: preghiera di intercessione per chi non c’è più, preghiera di conforto per chi è sopravvissuto, preghiera di ringraziamento per chi in prima linea lavora per sconfiggere il virus e prendersi cura di Anziani e malati.

I nostri Anziani si sono commossi, negli occhi lucidi e nelle voci flebili si è avvertita la loro profonda compassione. Il pesco in fiore che da ieri è nel nostro giardino rimarrà come memoria, memoria che ha bisogno di solide radici per non cadere nell’oblio del tempo che passa inarrestabile.

“Signore Gesù, resta accanto a noi. Ti affidiamo le nostre vite: custodisci il nostro cammino in questa casa e donaci la grazia di sentirci solidali gli uni con gli altri, nei momenti di serenità come in quelli di sofferenza”

Torna in alto